È il momento di reinventare

Se il 2018 è stato l’anno della rivolta, il 2019 dovrà essere l’anno in cui ci rendiamo conto che dobbiamo cambiare il nostro modo di fare business, dice Sunita Narain, ambientalista indiana tra le più influenti a livello mondiale. Dal numero 16 de «La ricerca», “Pianeta Scuola”.

14

«The ocean, over there», dal progetto #MariAperti
Sandwich Harbour, Namibia, 2009
© Donata Cucchi

Sorelle e fratelli, un progetto fotografico

5B7A1746

Dal dicembre del 2017 ho iniziato a fotografare sorelle e fratelli di sangue, perché, tra i legami familiari, mi sembra quello più complesso e delicato. I fratelli e le sorelle possono diventare, nel tempo, anche persone assai distanti. Tuttavia, a unirli c’è l’esperienza di una prospettiva comune – buttati dalla stessa parte della barricata nel tempo arduo dell’infanzia – e queste fondamenta condivise non possono mai essere dimenticate.
Dal punto di vista artistico, che da adulti sorelle e fratelli non siano in genere più abituati all’auto rappresentazione mi sembrava una fortuna. Mi faceva sperare che la mia macchina fotografica potesse cogliere l’emersione sincera della loro relazione, e non la sua forma.

Bianca e Lucia.
Bologna, settembre 2018
© Donata Cucchi

Come ricevuta dal Signore

«Verità vuole
che lei, colpo di vento
stesse al suo balcone
nel suo corpo
salivando e attendendo

ed io per parte mia
con un’orchestra
come sola buona compagnia
salissi per un bacio deflorato
per un tempo
neanche ben pagato
eh, io sì
io sì

L’amore dura
quel che deve durare
consacrato e misurato
da un orologio elementare
ma io che ho caro quel che è mio
e la domanda come la risposta
vivevo tutto questo
come dietro ad una porta
solo un po’ discosta

Perché è così che la gente vive
perché è questo che la gente fa
perché è così che ci si insegue
per un morso di immortalità
è il meccanismo ottuso
di un orologio falsoamericano
che misura il tempo e tempo non c’è più
ma fermava il tempo se passavi tu

Verità vuole
che lei, labbra grosse
restasse impigliata alla mia bocca
più di quanto volesse
di questo mi ricordo
e poco d’altro
del suo sguardo
lampeggiante a ore
e che svanì dentro al mondo
sorridendo
come ricevuta dal Signore

La rabbia e l’amore
s’imparano gratis
se proprio non c’è niente altro
da dividersi
e noi
immobili nel cielo
lucidochimico
di una fotografia
perché niente è come niente
niente è un’orgia dolorosa
è tempo squadernato
e via

Ma è così che la gente vive
è questo che la gente fa
è così che ci si insegue
per un morso di immortalità
è il meccanismo ottuso
di un orologio falsoamericano
che misura il tempo e tempo non c’è più
ma fermava il tempo se passavi tu».

Ivano Fossati, «L’orologio americano», dall’album «Macramè», 1996

44181132781_171958c80a_z

Frazione Goregge, Gubbio, agosto 2018
© Donata Cucchi